domenica 20 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 4° puntata

La siccità, già, parola di moda in questi mesi, ma di moda solo perchè al centro ed al nord Italia non si sono registrate le piovosità medie annuali.
E, come scrivo da anni, qui in Sicilia il problema è molto grave, e molto sentito dagli agricoltori.
E che coltivazioni si fanno se non irrigue?
Ma le reti Consortili, realizzate decenni e decenni fa sono veramente "al passo coi tempi"?
No. E non per "disposizione" Consortile, diciamo tutte le verità.
Farò qualche esempio in questi giorni, per far comprendere come sia difficile e dispendioso gestire un Consorszio
Partendo da Catania: il Consorzio 9 - Catania (ex Consorzio di Bonifica della Piana di Catania) rende irrigua una superficie di circa 71.000 ettari, ed ha una rete attrezzata per servire all'incirca 48.000 ettari, ma 55.000 ettari sono servite da "da opere di scolo a caduta naturale".
Sono quasi 3.000 i km di condotte, e 28 le "vasche" secondarie di distribuzione, con 26 stazioni di rilancio e ben 17.000 Kw impegnati; e la rete consortile è stata realizzata dalla metà degli anni '50 e fino alla metà degli anni '70; è come avere una FIAT 600 e guidarla accanto ad una FIAT 500 X; la prima antesignana, la seconda evoluta ...
E con questa immensa rete, ma senza la giusta quantità di operai addetti alla manutenzione, pensiamo veramente che un Consorzio possa garantire l'efficienza giustamente reclamata dall'utenza?
Abbiamo visto come si sono succeduti negli anni Commissari ... "revisioni consortili", riorganizzazioni ... fino alla fusione delle aree consortili in due grandi aree, orientale ed occidentale.
Ma veramente pensiamo, anzi crediamo, che la fusione dei Consorzi di Bonifica riuscirà a risolvere i problemi (sempre gli stessi) che negli anni si sono acuiti?
Secondo me la gestione dei due Consorzi "unificandi" diverrà elefantiaca, con una progettazione di rifacimento delle rete di distribuzione ferma, con una gestione delle manutenzioni che collasserà ...

Ai Consorzi, di qualunque provincia, servono:
1) certezza degli incassi pubblici (se occorre)
2) certezza degli incassi provati (e gli agricoltori pagano se hanno un servizio, altrimenti diventano evasori)
3) certezza nel personale dedicato alle manutenzioni (ma nei periodi in cui il servizio irriguo non è in esercizio, altrimenti si lavora sempre in emergenza)
4) certezza nei finanziamenti per il rifacimento di impianti ormai obsoleti

E questi quattro punti, che compendiano i fabbisogni dei Consorzi, oggi sono del tutto disattesi, ed il sistema "va in tilt"!

L'invasione dell'erigeron

Un'altra pianta che sta invadendo i nostri territori è la Seppola Canadese (o anche Coda di Volpe), che ha due nomi botanici: - Erigeron canadensis Pourret - Conyza canadensis (L.). Cambia il nome, ma il risultato no, così come scrivevo anni fa.
La sua presenza è andata aumentando in tutte le contrade, ma si è estesa anche nelle città.
La pianta ha una resistenza a tutti gli erbicidi e la sua presenza aumenta a dismisura nei nuovi impianti con ala gocciolante, poichè proprio lungo la irrigata (e concimata) non viene interessata nemmeno dalle lavorazioni al terreno.



Sull'origine della semola nelle paste

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 191 del 17 agosto scorso:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

DECRETO 26 luglio 2017  
Indicazione dell'origine, in etichetta, del grano duro per paste di semola di grano duro

Qui sotto il Decreto, in formato grafico.

Sciame sismico ad Adrano/Biancavilla

Nella giornata di ieri uno sciame sismico ha interessato la zona fra Adrano e Biancavilla.
Una decina di scosse si sono succedute con intervallo ravvicinato, e con magnitudo da 2° a 3.1° della scala Richter.

Evoluzione meteo

Da domani le temperature inizieranno a scendere, riportandosi su valori accettabili, e nella giornata di domani potrebbe anche aversi un cielo leggermente velato.
Di piogge ... nemmeno all'orizzonte ... l'estate siciliana continua ... 

sabato 19 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 3° puntata

Strano, ma vero: dopo la pubblicazione del "fermo" dei conteggi delle quote di invaso al Consorzio 7 Caltagirone, ecco che quasi "per magia" il conteggio nella giornata di ieri è stato aggiornato.
E la situazione è questa.
Alla data di ieri la disponibilità di acqua è di 23.326.000 di metri cubi, ma alla data di "chiusura" erogazione ai Consorzi 9 e 10, cioè al 25 luglio, i metri cibi di acqua residui erano 26.371.000. Facendo alcuni semplici e rapidi conteggi, quindi, in due mesi (giugno e luglio) sono stati consumati 12,169 milioni di metri cubi, erogando acqua oltre che a se stesso (Caltagirone) anche ai due Consorzi 9 (Catania) e 10 (Siracusa), ma da quel 25 luglio ad oggi, quindi in quasi un mese, sono stati erogati a se stesso (Caltagirone) 3,035 milioni di metri cubi di acqua.
E se mediamente il consumo irriguo del Consorzio 7, quindi è di circa 3 milioni di metri cubi, significa che tra giugno e luglio di quei 12 milioni la metà è andata tra Siracusa e Catania.
E, quindi, con la disponibilità attuale ... non sarebbe stato possibile erogare anche ad agosto, e non potrebbe esserlo a settembre, altri 3 milioni di metri cubi/mese e non creare i disagi creati?
Mah!

... continua ...

Qui sotto riporto (in copia/incolla) tutti i volumi per data dal 1° giugno a ieri.

Sulle istanze al SFN

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 191 del 17 agosto scorso:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

DECRETO 31 luglio 2017
Modulistica per la presentazione delle istanze al Servizio fitosanitario nazionale di cui al decreto 6 dicembre 2016.

Qui sotto il Decreto.

Le conservatorie dei registi immobiliari

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 191 del 17 agosto scorso:

AGENZIA DELLE ENTRATE

PROVVEDIMENTO 9 agosto 2017  
Istituzione delle sezioni stralcio delle conservatorie dei registri immobiliari.

Qui sotto il provvedimento

Sui registri immobiliari

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 191 del 17 agosto scorso:

AGENZIA DELLE ENTRATE 

PROVVEDIMENTO 9 agosto 2017  
Conservazione su supporti informatici dei registri immobiliari formati dal 1° gennaio 2015.

Qui sotto il documento.

venerdì 18 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 2° puntata

I Consorzi di Bonifica, in Sicilia, nascono alla fine del 1800, ma è nel 1933 che viene redatto il Testo Unico, con le norme di "Bonifica Integrale":
REGIO DECRETO 11 dicembre 1933, n. 1775
Pubblicato sulla G.U.R.I.  n. 5 dell'8 gennaio 1934.
Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e sugli impianti elettrici.
Titolo I
NORME SULLE DERIVAZIONI E SULLE UTILIZZAZIONI DELLE ACQUE PUBBLICHE.
Ecco che i Consorzi di Bonifica avevano le funzioni di realizzare dighe, reti di irrigazione collettiva, strade consortili, linee elettriche, sistemazioni idrauliche, insomma tutti interventi al servizio delle aziende agricole, inserite all'interno delle aree gestite dal Consorzio.

Ed oggi, invece, ci si limita a far effettuare al Consorzio di Bonifica esclusivamente la gestione delle acque irrigue? Troppo riduttivo.
Ma come si suol dire "senza soldi non si canta messa", ed è proprio quello che è avvenuto, con la riduzione continua del trasferimento di risorse finanziarie dalla Regione ai Consorzi.

... continua ...

L'invasione delle canne

Altra pianta che sta colonizzando i nostri terreni, i nostri territori è la canna, la arundo donax.
Cresce liberamente, e con grande velocità lungo e dentro i corsi d'acqua, e si propaga ad una velocità impressionante.
Entrata nei terreni, grazie alla sua radice rizomatosa, e invade tutto, con una resistenza incredibile.
E siccome all'interno dei fiumi, dei torrenti, dei canali di sgrondo non viene eseguita alcuna manutenzione, ecco che la canna prolifera indisturbata e continua la sua azione di colonizzazione.

Durante l'inverno queste canne, così come ho più volte segnalato, riducono la sezione di scorrimento dei fiumi, facendo sì che le acque, poi, si riversano nei terreni limitrofi facendo danni consistenti.
Durante l'estate altri danni, a causa dei vari incendi incontrollati ed incontrollabili, con altri danni alle colture limitrofe.

Di difficile "contenimento" la canne, insieme all'ailanto, sono un problema serio, molto ben conosciuto da tutti gli agricoltori.


La legge sulla concorrenza

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 189 del 14 agosto scorso la Legge sul mercato e la concorrenza, che entrerà in vigore il 29 agosto prossimo.

LEGGE  4 agosto 2017 , n.  124 .
Legge annuale per il mercato e la concorrenza.    

Qui sotto tutto il testo della legge.

OCM Vino: rimodulazione finanziaria

Pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 191:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

DECRETO 7 luglio 2017  
Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo - Rimodulazione della dotazione finanziaria relativa all'anno 2017.

Qui sotto il decreto.